.
Annunci online

santaopposizione
sia lecito dire con franchezza (parresia)

Chi sono:
"una canna sbattuta dal vento".

Chi siamo:
"La grande marcia della distruzione intellettuale proseguirà. Tutto sarà negato. Tutto diventerà un credo. E' una posizione ragionevole negare le pietre della strada; diventerà un dogma religioso riaffermarle. E' una tesi razionale quella che ci vuole tutti immersi in un sogno; sarà una forma assennata di misticismo asserire che siamo tutti svegli. Fuochi verranno attizzati per testimoniare che due più due fa quattro. Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate.

Per cosa combattiamo:
Noi ci ritroveremo a difendere non solo le incredibili virtù e l'incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Combatteremo per i prodigi visibili come se fossero invisibili. Guarderemo l'erba e i cieli impossibili con uno strano coraggio. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto". (Gilbert Keith Chesterton)
 
Per cosa combatto:
La regressione e il peggioramento non vanno accettati: magari con l'indignazione e la rabbia, che, contrariamente all'apparenza, sono, nel caso specifico, atti profondamente razionali. Bisogna avere la forza della critica totale, del rifiuto, della denuncia disperata e inutile (Pier Paolo Pasolini, Lettere Luterane)

1 febbraio 2008
CULTURA
PERCHE' NON POSSIAMO DIRCI CRETINI (E MENO CHE MAI ODIFREDDIANI)



Scrive Piergiorgio Odifreddi in Perché non possiamo dirci cristiani (e meno che mai cattolici) che il Cristianesimo “è indegno della razionalità e dell’intelligenza dell’uomo”; che il Cristianesimo è “parte integrante del potere capitalista, razzista, sessista e come tale andrebbe combattuto e abbandonato”; “in fondo, la critica al Cristianesimo potrebbe dunque ridursi a questo: che essendo una religione per letterali cretini, non si adatta a coloro che, forse per loro sfortuna, sono stati condannati a non esserlo”.

Ovviamente, per sillogismo, se i cristiani sono cretini, gli islamici sono perlomeno stupidi, o almeno cretini quanto i cristiani. E sappiamo anche che, giacchè Odifreddi ha a cuore il grande “Spirito Umano” (si vede che quella è roba da matematici veri e non da cretini!), presto, per ridestare quella fetta d’umanità assopita nella grande stupidaggine islamica, scriverà Perché non possiamo dirci islamici. Ad avvertire qualche imam, meglio se già in guerra con la civiltà occidentale, ci penserà il sottoscritto.

In quel volume con cui l’autore vuole confutare la Bibbia in 240 pagine di luoghi comuni, Odifreddi discetta con naturalezza di lingua ebraica, greca, latina, di filosofia, filologia, teologia, religioni orientali, induismo e buddhismo: ovviamente senza avere mai, né a scuola né all’università, affrontato questi enormi campi del sapere. Francesco Agnoli, ha, con un certo gusto, commentato: “Straordinario personaggio autodidatta. Forse, se lo avesse letto, Socrate non avrebbe mai filosofeggiato sulla consapevolezza propria del saggio, il «sapere di non sapere». Odifreddi, infatti, sa!”. Tranquilli, cari lettori, Socrate non aveva torto: anche Odifreddi non sa. Difatti ha scritto: “per i Padri della Chiesa la donna esiste solo per procreare (ad opus generationis ordinata)”. Ignorando San Tommaso d’Aquino, Padre della Chiesa, il quale sosteneva che la donna è pari all’uomo perché creata dalla costola, quindi non dalla testa (sarebbe stata superiore) né dai piedi (sarebbe così risultata inferiore), l’eminente Odifreddi si inventa un “solo” (che in latino non c’è) che altera tutto il significato della frase: ad una versioncina da prima liceo, probabilmente Odifreddi prenderebbe 4. O anche meno, perché in televisione, nella trasmissione di Santoro e di fronte a quel geniaccio di mons. Fisichella, ha candidamente ammesso di non conoscere il latino: eppure si diletta a tradurre i Padri!

Nel suo libro Odifreddi ha scritto che il nostro “Dio non è altro che un povero demiurgo, come quello del Timeo platonico”. E sapete quale prova, quale dotta discettazione, quale factum porta a favore di questa affermazione che rivoluziona in modo mai visto prima il concetto di creazione e di Dio trascendente? Nessuna. Semplicemente nessuna.

Recentemente il nostro ha dichiarato: “Io non credo di avere 'pregiudizi' nei confronti dei cattolici, così come non credo di averne nei confronti degli astrologi o degli spiritisti: mi limito a constatare che hanno visioni del mondo, che sono antitetiche con la visione scientifica, e più in generale con la razionalità, e ne deduco che sarebbe bene che esse rimanessero confinate nel campo individuale. Non propongo certo la proibizione delle sedute spiritiche, degli oroscopi o delle messe”. Troppa grazia, Sant’Antonio. E su Panorama ha affermato financo che l’Islam ed il Buddhismo sono più aperti alla scienza del Cattolicesimo.

Ma il matematico impertinente non si ferma qui e nel suo libro scrive: “perché mai chi dettava le Sacre Scritture avrebbe voluto che si scrivessero così tante cose che, come abbiamo cominciato a notare e continueremo a fare, sono sbagliate scientificamente, contraddittorie logicamente, false storicamente, sciocche umanamente, riprovevoli eticamente, brutte letterariamente e raffazzonate stilisticamente, invece di ispirare semplicemente un'opera corretta, consistente, vera, intelligente, giusta, bella e lineare?”. Calmi, non c’è nulla da obiettare a questa indegna verbosità. A muovere la più sensata delle obiezioni ci pensa lo stesso Odifreddi: “La Bibbia non l’ho letta tutta, ho letto i primi cinque libri, il cosiddetto Pentateuco. Poi un po’ Giosuè, i Giudici quando nasce lo stato ebraico... dopodiché quella diventa una storia politica che può interessare gli storici o altri, ma non interessa da un punto di vista religioso. Ho saltato e sono andato a leggere i Vangeli, fino all’Apocalisse. Che però ho capito essere più un libro per psicanalisti che per logici, quindi l’ho lasciata ad altri da interpretare”.

Cari lettori, sapete perché non siamo cretini e perché il Cristianesimo è bello? Perché Odifreddi sarà pure una mezza tacca come uomo di cultura e un nemico della Chiesa, ma noi preghiamo vivamente per lui e perché la Grazia di Dio discenda nella sua anima.




permalink | inviato da santaopposizione il 1/2/2008 alle 12:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte